Un nuovo studio migliora la comprensione dei disturbi muscolari associati al diabete di tipo 2

Congratulazioni al Dott. Tran e al Dott. Caruso per il loro eccezionale lavoro di ricerca, sostenuto negli anni anche da Fondazione ISAL.
Cosa è stato scoperto: recenti studi sull’uomo hanno dimostrato che il plasma 1-deossisfingolipidi (1-DSL) è una classe di sfingolipide atipiche che si trovano significativamente elevati nei pazienti con glucosio a digiuno compromesso, sindrome metabolica e diabete di tipo 2 (T2DM). Inoltre, essi sono stati trovati significativamente elevati anche in individui non diabetici che successivamente sviluppano T2DM. I meccanismi molecolari sottostanti che portano allo sviluppo di T2DM in pazienti con sfingolipidi atipici elevati non sono stati chiariti.
Lo studio del Dott. Tran e del Dott. Caruso fornisce le prime prove che 1-DSL comprometta direttamente la funzionalità delle cellule muscolari scheletriche e suggerisce che l’aumento dei livelli di 1-DSL osservati durante lo sviluppo di T2DM contribuisca probabilmente alla patofisiologia dei disturbi muscolari rilevati in questa malattia e spesso causa di dolore.
I test tradizionali, compresi quelli per la compromissione del glucosio a digiuno e la compromissione della tolleranza al glucosio, non riescono a prevedere quasi il 50% dei pazienti che svilupperanno T2DM. I risultati dello studio aiuteranno pertanto a migliorare l’individuazione precoce e la diagnosi del diabete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.